A che età imparare a ballare?

Il ballo, come l'amore, non ha età. Si può ballare da bambini, da ragazzi, da adulti, da anziani e, soprattutto, si può iniziare ad imparare ad ogni età. Naturalmente, nel caso specifico dei bambini esistono metodologie didattiche specifiche, al limite tra il gioco e la danza, per insegnare non solo i movimenti e figure dei singoli balli, ma anche la conoscenza del ritmo, la postura eccetera. Diverso, invece, il discorso per ragazzi ed adulti. Per loro è possibile iscriversi a corsi di ballo oppure rivolgersi direttamente ad un professionista per lezioni Pro-Am.

si puo ballare a tute le eta

Anche nel caso di persone anziane le possibilità sono entrambe valide. Gli anziani spesso ritrovano nel ballo un modo per trascorrere il tempo: naturalmente per loro le figure e i passi vanno calibrati in modo tale che vengano eseguiti solo quelli di base ossia i più semplici, e si scelgono solitamente ritmi più lenti, in modo che i ballerini possano seguire la musica con maggiore facilità.

L'età a cui si inizia a ballare non è importante: indipendentemente da questa, infatti, il ballo è un'attività molto salutare, che porta una serie di benefici sia mentali che fisici e, soprattutto, pochissimi rischi. A differenza di altri sport, infatti, il ballo si presenta come un'attività aerobica (più o meno blanda a seconda della preparazione e dell'età dei ballerini) a basso impatto, ossia essa non prevede movimenti potenzialmente dannosi. In quanto attività aerobica, poi, agisce in maniera positiva sull'attività del cuore e su tutto il sistema cardiovascolare, garantendo anche una buona tonicità a tutti i muscoli del corpo. Le diverse danze, infatti, vanno effettuate con movimenti completi, delle gambe, del busto e delle braccia, che sono quindi sempre in movimento per un allenamento total body.

Ma c'è un altro aspetto fondamentale tra i benefici del ballo. Esso è curativo anche a livello mentale rivelandosi un ottimo antistress per quanti vivono in pieno le ansie della società moderna. Molti studenti e studentesse ballano per 'staccare la spina' dalle ansie, dallo studio e dagli esame; i professionisti trovano nel ballo una vera e propria cura contro le tensioni accumulate durante le impegnative giornate di lavoro; impiegati e casalinghe usano il ballo per riportare un po' di colore nella monotonia di un lavoro sempre uguale. Ballare, inoltre, permette di trascorrere intere serate con persone che condividono una stessa passione, quella del ballo. Perché il ballo, per prima cosa, rappresenta un modo per socializzare, sconfiggendo la timidezza, insegnando ad avere maggiore sicurezza in sé stessi, insegnando a muoversi in maniera più elegante ma, soprattutto, rappresenta un modo per divertirsi ed appassionarsi.

Oggi le scuole di ballo e i maestri che offrono lezioni Pro-Am sono sempre più numerosi: basta solo muovere il primo passo per poter vivere in pieno la magnifica esperienza del ballo.